A un amico, dal paese dei sogni

All’improvviso la corda inizia a correre. Come ve la caverete quando la corda inizia a correre?
E’ in Moby Dick. La lancia e’ piena di corda: si svolge vicino ai piedi e alle mani dei marinai. Attenzione: senza mai fare un cappio!
E’ legata al rampone. Quando questo affonda nella carne della balena, la corda schizza via e guai a farsene afferrare: si finisce negli abissi.
Brutto eh? Ma viviamo tutti cosi’. Quella corda invisibile, anzi quel serpente, ci avvolge sempre. Chi sapra’ restare calmo, quando scatta?

Mentre venivo a Gibuti pensavo, in aereo, di scrivere una cosa sugli amici. Ascoltavo le musiche che mi ha dato un amico per lo speciale che sto facendo. Perfette, capaci di mostrarmelo anche solo chiudendo gli occhi. E volevo scrivere qualcosa su tutte le volte che qualcuno mi ha messo sulla strada giusta. Poi, pero’, me ne sono dimenticato.

Oggi ho letto le belle cose che aveva scritto proprio quell’amico a proposito del mio viaggio su Il teorema di Fermat: Il mistero del cargo di Gibuti (e chissa’ perche’ non mi fa linkare…)

Era proprio un bel botta e risposta. Anche se io la mia parte non l’avevo mica scritta.

Mi preparavo quindi a rispondergli quando, all’improvviso, la corda ha preso a correre. L’operatore che e’ con me deve tornare d’urgenza a Roma. Difficilmete un altro puo’ arrivare qui prima che la nave su cui dovevamo imbarcarci parta. Difficilmente la nave potra’ aspettare. Il lavoro di mesi in fumo. Il viaggio da Gibuti allo Sri Lanka, in fumo. In fumo il reportage sui pirati.

Riusciremo a trovare una via d’uscita? Convincero’ gli armatori
a fermare il cargo un giorno in piu’ nel porto? All’ultimo un cameramen riuscira’ a partire da Roma in tempo?

C’e’ anche una terza possibilita’. Ma vorrebbe dire che la corda ha preso a correre ancora piu’ veloce.
Non so se me la sento.

Cosa farebbe quell’amico, lo so. Ma a bordo del Pequod oltre a Ishmael, che si salva, e oltre a Stubb, che resiste onorevolmente almeno fino all’epilogo, c’e’ anche un piccolo mozzo di colore.
Guai a fare la sua fine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: