Quanto era alto Gesù?

Alcune regole del giornalismo stanno cambiando.
Qual è la più importante? Facile, che la notizia si dà in testa. Nelle prime due righe, dicono i maestri.

Ha iniziato Yahoo. Non è un giornale ma e’ uno dei siti più visitati e ha una parte informativa importante:

Uno degli azzurri ha deluso le aspettative, chi è?

Ci sono alcune pietanze particolari  che in Europa e anche in Italia sono proibite, quali?

Cosa c’è dietro i cannibali in Usa?

C’è un serial killer nella tua città. In quale quartiere si aggira di preferenza?

Per sapere se puoi tornare a casa in pace o se è bene scegliere un’altra strada, farai meglio a cliccare. Non è neanche detto, poi, che la notizia ti venga data subito o che ce ne sia una. Potrebbero volerci altri clic. Può essere si scopra che il killer in giro per il quartiere è lo smog o il raffreddore con complicazioni, se non ti copri abbastanza. Tanto il clic non te lo puoi riprendere indietro. Anzi, per tornare indietro devi farne un altro.
Scherzi da prete, si diceva prima. Scherzi da rete, direi adesso.

Finché lo fa Yahoo, pace. Ma sono saltato leggendo un Tweet del Post, giornale serio ed elegante:

Quanto era alto Gesù?

Normalmente il Post non fa così, ma mi è sembrata una spia. E non l’unica.

L’altra regola è che a decidere l’importanza delle notizie sono il direttore e la redazione. Oggi, spesso, il numero di clic le fa salire o scendere, come in un luna park. Poi il web condiziona gli altri media.
Sceglie la gente!
E sceglie male. Il killer nel quartiere andrebbe fortissimo.

Alcuni giornali in rete sono arrivati a lamentarsi con i propri lettori che la Siria non si faccia cliccare abbastanza. Perché alla fine ci stiamo tutti attenti: ai clic, ai “mi piace”, ai follower.
Nessuno lo dice ma è una sconfitta.

A proposito, le stime riguardanti la statura di Gesù – leggo dall’articolo del Post, la recensione di un libro di curiosità – oscillano tra 1,38 e 1,85 metri.

Cioè o era un tappo, o una persona di altezza media o un giocatore di basket.
Valeva la pena di cliccare e leggere fino a qui, no?

About these ads
Contrassegnato da tag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: